Think4Food, i vincitori dell’edizione 2019

Think4Food, i vincitori dell’edizione 2019

Legacoop Bologna promuove idee per l’Agenda Onu 2030 e premia startup, ricercatori e studenti.

Bologna. Ben 83 progetti hanno risposto alla call for ideas di Think4Food, tre i vincitori suddivisi nelle categorie startup, ricercatori e stud

“Pupi Avati. Sogni Incubi Visioni” di Andrea Maioli
L’inferno dello sguardo
Il teatro che respira con la città

Bologna. Ben 83 progetti hanno risposto alla call for ideas di Think4Food, tre i vincitori suddivisi nelle categorie startup, ricercatori e studenti universitari. Think4Food 2019 è un progetto di Legacoop Bologna che mette in connessione le imprese cooperative del comparto agroalimentare con startup, ricercatori e studenti universitari che stanno lavorando a idee innovative per lo sviluppo sostenibile e che possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Agenda Onu 2030.

Ad Algaria-Spireat sono andati i 5.000 euro per la categoria startup, sponsorizzata da Coop Italia. Algaria è composta da un team multidisciplinare specializzato nella produzione dell’alga spirulina, che commercializza con il marchio Spireat. La spirulina è un eccellente integratore naturale e uno dei novel food che si sta diffondendo più rapidamente.

Per la categoria ricercatori, la vincitrice del premio da 3.500 euro è Arianna Palladini, ricercatrice al laboratorio di Immunologia e Biologia delle metastasi dell’Università di Bologna con il team di LacToLab. Il progetto LacToLab prevede la riqualificazione del latte scaduto, o in scadenza, al fine di ottenere reagenti utilizzabili in laboratorio per colture cellulari e biologia molecolare.

Il premio di 1.500 euro per la categoria studenti universitari, sponsorizzata da Coop Reno, è stato assegnato a SquisEat, ideato da quattro studenti di informatica dell’Università di Bologna per ridurre lo spreco alimentare.

“L’obiettivo principale di Think4Food è quello di portare innovazione e sostenibilità in uno dei comparti più importanti dell’economia bolognese e di grande rilevanza per la cooperazione. La qualità dei progetti presentati e dei vincitori è un buon auspicio per il futuro.  Economia circolare e sostenibilità, parole chiave della cooperazione, sono garanzia di una visione di lungo periodo in grado di generare benefici per i soci, il territorio e la comunità – ha dichiarato Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna, intervenendo all’evento di premiazione –. Il coinvolgimento di giovani imprenditori, ricercatori e studenti sarà sempre più centrale nella nostra attività. Stiamo creando un ecosistema dell’innovazione cooperativa, utile alle nostre associate che hanno bisogno di innovare e ai giovani che possono attingere ad un enorme patrimonio di esperienze di imprenditoria cooperativa”.

Il progetto, ideato e realizzato da Legacoop Bologna, è stato promosso con il patrocinio dell’Università di Bologna, grazie al contributo della Camera di Commercio di Bologna, con il supporto di Coop Italia e di Coop Reno, e in collaborazione con Legacoop Agroalimentare Nord Italia, Confcooperative Bologna, Legacoop Imola, AlmaCube, ART-ER, Future Food Institute e Fondazione Fico.

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS: