Il teatro che respira con la città

Il teatro che respira con la città

Il teatro che respira con la città: stagione teatrale 2019-2020 Teatro dell’ABC

Il teatro dell’ABC è un teatro di autogestione sperimentale, in cui chi lo dirige lavora in prima persona alla produzione e alla costruzione degli sp

L’Università di Bologna guarda al futuro con l’intelligenza artificiale
Nel gran teatro della città
L’inferno dello sguardo

Il teatro dell’ABC è un teatro di autogestione sperimentale, in cui chi lo dirige lavora in prima persona alla produzione e alla costruzione degli spettacoli, dall’ideazione alla messa in scena, fino alla presenza sul palco. Il nucleo creativo e operativo del teatro (Lavinia Turra, Gabriele Via, Valentino Corvino, Paolo Fiore Angelini, Guglielmo Pagnozzi e Gianni Marras) lascia spazio ai vari linguaggi artistici per configurarsi come contenitore di eventi che spaziano in tutti gli ambiti della creatività, per essere fruibile ad un pubblico ampio e trasversale.

L’attività del teatro dell’ABC, sito in piazza di porta Castiglione, è resa possibile grazie alla collaborazione con don Mario Fini e la comunità della parrocchia della Misericordia.

Esso vuole essere anzitutto un luogo di incontro delle arti con il territorio e i suoi abitanti, per coinvolgere in maniere attiva la comunità. Per questo hanno presentato un cartellone eclettico e ricco di appuntamenti. 

MUSICA:

La stagione si è aperta, il 30 settembre, con l’interpretazione del flautista Matteo Cesari di “In principio è il soffio”.

Proseguirà con il concerto di Ilaria Pilar Patassini (in arte Pilar), che presenterà il suo quarto album “Luna in Ariete” mercoledì 30 ottobre; un disco caratterizzato dalla presenza di corno, flicorno e trombone e testi che raccontano varie tematiche, tra cui la società italiana contemporanea.

Domenica 24 novembre la serata sarà curata da Valentino Corvino, dedicata ai nativi americani “American indian song”, in collaborazione con FontanaMixensemble.

I martedì di questa stagione sono dedicati alla musica jazz, con la rassegna ABC Jazz, curata da Guglielmo Pagnozzi e Emiliano Pintori.

Martedì 22 ottobre “A love supreme – Vita e musica di John Coltrane”;

Martedì 19 novembre “Blues and Roots – Vita e opere di Charles Mingus”; 

Martedì 17 dicembre “Kind of blue – Miles Davis e il jazz moderno”

 Anche la serata di martedì 3 dicembre sarà dedicata al jazz, con la performance di Arte Grafica e Musica Improvvisata, che avrà come protagonisti il disegnatore Andrea Bersani e Guglielmo Pagnozzi al sax, clarinetto ed elettronica.

TEATRO:

La stagione teatrale si è aperta, il 3 ottobre, con “Laudato Si”, nato da un’idea di Gabriele Via e Barbara Scoppa con musiche di Valentino Corvino.

Venerdì 18 ottobre lo spettacolo “Marianne Faithfull. Biografia di una star piena di destino” di e con Angela Malfitano, apre la rassegna “Performers. Autobiografie di vite Rock’n’Roll” dedicata alle vite di alcune delle più straordinarie musiciste del secolo scorso, che si concluderà il 27 dicembre quando la stessa Angela Malfitano porterà sul palco attraverso la presenza scenica di Tina Ruggeri la vita di “Joni Mitchell – La Musa sfuggente”.

Il 29 novembre lo spettacolo “Mi chiamo Andrea, faccio fumetti”: Andrea Santonastaso, attore oggi, disegnatore di fumetti una volta, racconta, attraverso le parole scritte da Christian Poli, l’arte del grande disegnatore di fumetti Andrea Pazienza. Lo fa raccontando e disegnando in scena. 

Sabato 30 novembre la replica in matinée per le scuole, in collaborazione con BilBOlbul, Festival internazionale del Fumetto di Bologna.

La rassegna curata da Gabriele Via prosegue poi venerdì 13 dicembre con “Omaggio al genio del signor G.”, incontro con il teatro canzone di Giorgio Gaber, di e con Gabriele Via, con le musiche dal vivo a cura di Franco Cristaldi: uno spettacolo che celebra l’inventore del Teatro-Canzone.

L’ANNO CHE VERRA’

Prosegue anche nel 2020 il viaggio alla scoperta dei grandi protagonisti del teatro italiano con la rassegna teatrale curata da Gabriele Via: da “Le guerre di Walter” (10 gennaio) di e con Matteo Belli, dedicato al genio di Walter Chiari, a Dario Fo ed Enzo Iannacci (7 febbraio) raccontati da Guglielmo Pagnozzi e dallo stesso Gabriele Via. Al jazz sono dedicate le “Storie di Jazz (e dintorni)” del 28 gennaio, con Jimmy Villotti, e le “lezioni-concerto” a cura di Guglielmo Pagnozzi e Emiliano Pintori, che ci condurranno dentro la musica e la vita di autori come Django Reinhardt (25 febbraio), Sydney Bechet (24 marzo), Fela Kuti (28 aprile) e le signore del Jazz Billie Holiday, Ella Fitzgerald e Sara Vaughan (26 maggio). 

La rassegna teatrale a cura di Gianni Marras sarà all’insegna della musica, della prosa e del racconto di Bologna con la serata “teatroNarrando Bo” dell’8 maggio. 

Chiusura di stagione il 29 maggio con “L’uovo di Marcello”, di e con Bruno Damini: le voci di 21 grandi attrici e attori tra fama e fame, a rievocare la gavetta degli esordi e i profumi e sapori dell’infanzia. La serata sarà accompagnata dalla cena a cura dello chef Mario Ferrara.

Ulteriori date saranno comunicate in corso di stagione.

Le serate sono riservate ai soci ABC.

Contributo per serata: 10 €

Under 25 e studenti: 7 €

Associazione trimestre ottobre/ dicembre 2019: 3 €

Visto il numero limitato di posti è consigliata la prenotazione

Mail abcprenot@libero.it

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS: