giovedì 13 dicembre 2018

Sei in > home > fuori porta > OASI DELLE SALINE DI BENTIVOGLIO

fuoriporta

OASI DELLE SALINE DI BENTIVOGLIO


Oasi "La Rizza" di Bentivoglio


Le zone umide permanenti si trovano vicino al "Ponte della morte", nella parte più a nord, oltre "La   Rizza" , dove il canale Navile  e il Calcarata disegnano un'ansa,  chiusa tra la via Olmo e l'ex podere "la Bianchina".






Sono ambienti caratterizzati da ampi specchi d'acqua, liberi da vegetazione emergente ma ricchi di vegetazione sommersa; nell'intrico di radici, fusti e foglie trovano riparo dai predatori numerosi organismi acquatici (invertebrati, larve di anfibi, avannotti e pesci adulti). Talvolta in superficie crescono piante "natanti" , come le "lenticchie d'acqua" , oppure radicate al fondo e con foglie e fiori galleggianti, come le ninfee o i ranuncoli d'acqua.
 





La profondità dell'acqua deve essere di almeno mezzo metro per permettere l'alimentazione delle anatre tuffatrici, di folaghe e di uccelli che si nutrono di pesci , come il cormorano, il tuffetto e lo svasso maggiore. Il falco di palude  e la biscia dal collare sono i predatori di questo ambiente.







Le anatre tuffatrici nuotano anche sott'acqua; per alzarsi in volo devono correre sull'acqua prima di raggiungere la velocità sufficiente ; la posizione arretrata delle loro zampe rispetto al corpo  facilita il nuoto  ma rende difficile spiccare il volo.






I prati umidi dell'Oasi si possono osservare percorrendo la via Olmo. Questi ambienti , ora rari nella nostra pianura, un tempo erano frequenti ai margini delle zone umide e venivano utilizzati  per il pascolo estivo. Ambienti ideali per la rana verde e il rospo smeraldino; in inverno e durante le migrazioni offrono zone di sosta e alimentazione a specie di ucceli come la pittima, il chiurlo, la pantana e il beccaccino. Vi sostano pure anatre di superficie, come il germano reale.Il cavaliere d'italia e la pavoncella vi nidificano . E' possibile vedere anche oche, spatole, cicogne e aironi.


    


 


I boschetti del parco hanno origini diverse. All'interno dell'impianto di fitodepurazione si può osservare un boschetto di salici cresciuto spontaneamente quando le vasche furono lasciate incolte, mentre il pioppeto presso "la Rizza" è un residuo di coltivazioni praticate nei decenni passati.
in varie zone del Parco Agricolo sono state effettuate delle piantumazioni di piante e arbusti autoctoni , tra i quali il salice bianco, il pioppo nero e bianco, il frassino, l'olmo ,il carpino, il biancospino e il pruno.



 





TRACCE DEL PASSATO
 
Nell'0asi sono ancora osservabili alcuni edifici diroccati che restano a testimonianza dell'uso agricolo di questo territorio in passato. Ad esempio, gli essicatoi per il riso, qui a lungo coltivato e fino a circa 40 anni fa; gli essicatoi per il tabacco , coltura praticata in via sperimentale agli inizi del 1900 e poi abbandonata; filari di gelsi coltivati quando fu fiorente l'allevamento dei bachi da seta, che si nutrivano delle loro foglie.








"La mancanza di habitat idonei è una delle cause principali della riduzione o della scomparsa delle specie animali legate agli ambienti umidi; per questo motivo una delle finalità principali perseguite nella gestione dell'oasi di Bentivoglio è proprio la tutela e la reintroduzione di specie vegetali appropropriate".

 

Testo e immagini  successive sono stati desunti in sintesi  dal fascicolo "Un cuore verde per la pianura", edito a cura del Comune di Bentivoglio, con la collaborazione degli insegnanti delle scuole elementari e medie di Bentivoglio e di S. Marino e del WWF-Pianura Centrale, e il patrocinio della Provincia di Bologna