giovedì 14 dicembre 2017

Sei in > home > arte e cultura

arte e cultura

Parte la stagione al San Salvatore... l’arte che ascolta il pubblico

Bologna, 22 Ottobre. Si è tenuta ieri al teatro San Salvatore di Bologna, la conferenza stampa ufficiale per l’apertura della nuova stagione teatrale.
Una stagione particolarmente intensa e variegata che vedrà la presenza di numerosi rappresentanti dell’arte recitativa (più e meno noti) ma anche musicale, senza tralasciare seminari e corsi per chiunque volesse avvicinarsi ed intraprendere la carriera di attore o semplicemente mettersi in gioco calcando il palcoscenico.

“Abbiamo concepito questa nuova stagione” commenta il direttore artistico Eugenio Maria Bortolini “Tenendo conto dei pareri del pubblico e dei riscontri avuti nelle stagioni precedenti, con l’intenzione di accontentare tutti i gusti, nei limiti del possibile, ed avvicinandoci all’idea di rendere questo teatro storico un vero e proprio contenitore dell’arte ed aumentare ancor di più la suggestione che trasuda da queste pareti”.

Più di venticinque titoli per un totale di cinquanta serate; una stagione quindi corposa ed una bella sfida per un teatro di soli cento posti ma una sfida raccolta più che volentieri.

“All’interno di questa stagione” continua Bortolini “Proporremo anche impulsi diversi, che si discostano dalla classica rappresentazione comica o comunque umoristica poiché credo sia giusto anche indirizzare il pubblico ed educarlo a seguire strade differenti, pur rischiando. Quindi avremo sì commedie ma anche spettacoli di improvvisazione, molta musica, pezzi di drammaturgia, classici e teatro dell’assurdo.”

Il 25 ed il 26 ottobre aprirà le danze un omaggio a Giorgio Gaber, interpretato da Luca Mazzamurro, per la regia di Francesca Calderara, nella formula collaudata di “One Man Show” per proseguire poi con Edipo Liberato, opera surreale di Michele Collina che stravolge i canoni classici della recitazione.

Si continuerà con In punta di piedi, trilogia ideata e realizzata da Anita Giovannini, che vedrà omaggi a Tonino Guerra, la presenza di attori circensi sul palco tesi a creare un’atmosfera di stampo felliniano e testi scritti dalla stessa autrice.

Proposte differenti ed intense per tutta la stagione che terranno compagnia fino  ma, come già detto, anche laboratori teatrali, seminari e corsi di recitazione, tenuti da nomi prestigiosi come Matteo Belli, uno dei massimi esperti di vocalità teatrale in Italia, Alessandra Frabetti.

Francesca Pierantoni, responsabile di “Officine Guitti”, scuola formativa del teatro San Salvatore, propone invece una intensa attività didattica, nella quale principianti e professionisti potranno confrontarsi con questo mestiere o migliorare il talento già collaudato.

Singolare e bella iniziativa della scuola sarà la possibilità di portare in scena qualsiasi idea proposta dagli aspiranti attori, coadiuvati da un nutrito gruppo di insegnanti e tecnici professionisti, al fine di realizzare uno spettacolo diverso, nuovo e sicuramente più che dignitoso.

Ultimo ma non ultimo, l’appuntamento imminente ed imperdibile di domenica 27 ottobre.
Alle 16 verrà infatti celebrato il diciottesimo compleanno di Nutizièri Bulgnèis, storico e primo Tg dialettale bolognese che, ancora oggi, rappresenta un punto di forza per le emittenti locali 7 Gold e Nuovarete e per la città di Bologna.
Sarà un evento ad ingresso libero, che vedrà la partecipazione di tutti i membri del cast e dei tanti personaggi che hanno portato, negli anni, il proprio contributo alla trasmissione.

Fabrizio Carollo