giovedì 14 dicembre 2017

Sei in > home > arte e cultura

arte e cultura

LA FACCIATA DI SAN PETRONIO

La facciata incompiuta di San Petronio misura 60x51 metri, ed è divisa in due fasce orizzontali: quella inferiore, con le specchiature marmoree quattro-cinquecentesche, e quella superiore, con materiale laterizio a vista e dal profilo sfaccettato, che avrebbe dovuto consentire l'ancoraggio del rivestimento decorativo.






La parte inferiore è rivestita di pietra d'Istria e marmo rosso di Verona e vi si aprono tre portali. Quello centrale è opera dello scultore Jacopo della Quercia per la realizzazione del portale maggiore, rimasto parzialmente incompiuto (è privo della cuspide): Jacopo scolpì le formelle a bassorilievo sugli stipiti del portale che raffigurano Storie della Genesi (studiate attentamente da Michelangelo, che dimostrò di avere appreso la lezione nelle pose di alcune figure della Cappella Sistina), l'architrave istoriato con Scene del Nuovo Testamento e il gruppo a tutto tondo della lunetta con una Madonna col Bambino e i santi Petronio e Ambrogio (Michelangelo la definì "la più bella Madonna del Quattrocento"). I profeti nell'arco al centro sono invece opera di Antonio del Minello e Antonio da Ostiglia, tranne il Mosé al centro, opera di Amico Aspertini.





         

        


       


I due portali laterali furono disegnati tra il 1524 e il 1530 da Ercole Seccadenari e sono decorati da formelle di numerosi autori, tra i quali il Tribolo, Alfonso Lombardi, Girolamo da Treviso, Amico Aspertini, Zaccaria da Volterra e lo stesso Saccadenari. I pilastri ospitano Scene bibliche, e gli architravi Storie del Nuovo Testamento. La lunetta del portale di sinistra è decorata dalla Resurrezione del Lombardi, e quella destra presenta un Cristo deposto dell'Aspertini, una Vergine del Tribolo e un San Giovanni del Saccadenari. (Wikypedia)





  

    





  


     



DSCN3311  DSCN3312  DSCN3310  DSCN3306  DSCN3307

DSCN3298  DSCN3300  DSCN3297  DSCN3301  DSCN3299  DSCN3302

    


PER FINIRE, UNA BELLA VISTA DI PIAZZA MAGGIORE DALLA TERRAZZA DI SAN PETRONIO